Compilazione Registro Carico Scarico Auto Usate

Compilazione Registro Carico Scarico Auto Usate

CIRCOLARE 4 agosto , n. Circolare esplicativa sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati individuati, rispettivamente, dal decreto ministeriale 1 aprile , n. Un venditore di auto usate ha optato per il regime analitico e la tenuta due registri distinti, uno per registro carico auto usate gli acquisti e uno per le cessioni, come avviene per il regime del margine globale. Si registro carico auto usate chiede se tale comportamento può essere sanzionato. Registro registro carico auto usate carico e scarico auto usate. con unico azionista - Via Filippo Caruso, 23 - ROMA. Fiscale - Iscrizione Registro Imprese REA

Nome: compilazione registro carico scarico auto usate
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 59.73 Megabytes

COME COMPILARE REGISTRO CARICO E SCARICO AUTO USATE - Pdligure

Il registro di carico e scarico, non è obbligatorio per i soggetti che effettuano solo occasionalmente tali operazioni. Un venditore di auto usate ha optato per il regime analitico e la tenuta due registri distinti, uno per gli acquisti e uno per le cessioni, come avviene per il regime del margine globale. Registro carico e scarico auto usate. Aggiornato al Riportiamo un fac simile di registro di carico e scarico del regime del margine.

Non si applica più al commercio di cose usate. Maggio, n Mi riallaccio a questo vecchio post perchè per la prima volta devo compilare il suddetto registro.

Quest'ultimo articolo è stato completamente modificato dalla recente L. La normativa prevede due formulari: il modello "A" che riguarda chi gestisce rifiuti con detenzione ed il modello "B" per chi gestisce senza detenzione.

Entrambi devono essere numerati e vidimati presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura competente, con le identiche modalità concernenti i registri IVA.

Una volta acquistato il registro di carico e scarico rifiuti presso una qualsiasi cartoleria ben fornita, si procede alla sua intestazione con i dati della ditta produttrice di rifiuti. Autosaloni - Carico-Scarico autoveicoli in conto deposito presso gli autosaloni - Registro - pagine Product was successfully added to your shopping cart.

Accedi per vedere i prezzi. Nulla osta usato ed essere in possesso del cd. S, dove vanno ogni giorno annotate tutte le operazioni effettuate, con indicazione dei dati di chi acquista o vende le automobili usate.

Il registro di carico e scarico riguarda la qualità e la quantità degli scarti, e permette di compilare una volta all'anno il modulo da presentare alla Camera di. Il registro di carico e scarico per gli oli minerali: a cosa serve e quali sono le principali caratteristiche.

Oggi in questa guida vedremo come eseguire una compilazione del registro carico e scarico carburanti in modo semplice e veloce. Salve a tutti, scusate non faccio tante premesse ma ho bisogno di un consiglio ho ereditato un registro di carico e scarico in cui la sequenza dei numeri non è mai stata interrotta alla fine dell'anno.

Le sanzioni relative sono contenute nella Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati del D.

In particolare, il riepilogo dei veicoli disponibili visualizza i dati di tutti i mezzi nella cui scheda è stata spuntata la casella Veicolo in vendita, mentre il riepilogo dei veicoli venduti mostra l'elenco dei mezzi nella cui scheda la stessa casella non è stata spuntata. E' possibile stampare i riepiloghi su carta ottenendo l'elenco dei veicoli seguito dal loro valore complessivo potenziale o già guadagnato.

Commercio usato registro abrogazione

L'applicazione Magazzino Autoricambi prevede l'archiviazione dei dati riguardanti i prodotti e i servizi che potranno poi essere richiamati per la compilazione dei preventivi, dei DDT e delle fatture elettroniche. E' possibile catalogare prodotti e servizi di ogni genere, visualizzare un elenco di tutta la merce in esaurimento, ottenere l'inventario parziale o totale degli articoli in magazzino con il valore complessivo del capitale in deposito.

La catalogazione della merce si effettua creando una scheda per ciascun prodotto nella quale bisogna indicare il codice dell'articolo, la tipologia merceologica di appartenenza, la marca e il modello, una descrizione delle caratteristiche principali, la presenza di eventuali elementi accessori, la sua ubicazione all'interno del magazzino, il nome del fornitore del bene con relativi recapiti, la data di acquisto e gli estremi del documento di compravendita.

Se si dispone di pneumatici è anche possibile inserire le informazioni sull'efficienza nel consumo di carburante, sull'aderenza su bagnato e sul rumore esterno da rotolamento delle gomme.

Come compilare il registro carico e scarico dei rifiuti Lavoro e Finanza

Il campo "Giacenza" deve essere utilizzato per indicare la quantità del materiale disponibile in magazzino. Si ricorda che è anche possibile effettuare l'aggiornamento della giacenza nel momento in cui si compila un documento fiscale importando i dati dal magazzino.

Il pulsante Calcola valore consente di ottenere il valore totale della merce in magazzino moltiplicando il costo di acquisto per la giacenza.

Il campo "Avviso sottoscorta" permette di essere avvisati quando la giacenza di un articolo in magazzino diventa inferiore al valore minimo indicato.

Per visualizzare l'elenco di tutti i prodotti in esaurimento, basta fare clic sul pulsante Sottoscorta.

Registro di carico e scarico La Gestione dei Rifiuti

Il campo "Tipologia" è molto importante ai fini della creazione degli inventari parziali, dal momento che serve ad associare l'articolo ad una determinata categoria merceologica. Questo significa che l'utente deve inserire lo stesso valore in tale campo all'interno della scheda di ciascun prodotto che si vuole faccia parte di un determinato inventario parziale.

Il campo "Note" consente di registrare qualsiasi informazione aggiuntiva utile per identificare l'articolo in archivio tramite l'avanzata funzione di ricerca messa a disposizione dal programma. Le ricerche funzionano anche con chiave parziale, ossia indicando una o più parole consecutive contenute in un qualsiasi campo. I risultati di ricerca possono essere stampati su carta.

Il pulsante Cerca sul Web apre il motore di ricerca Google per trovare su Internet informazioni riguardanti il prodotto merceologico visualizzato in quel momento, usando come filtro i dati inseriti dall'utente nei campi relativi alla marca e al modello dell'articolo.

L'utente del software ha la possibilità di allegare fino a tre file alla scheda di ciascun articolo. Tale funzione potrebbe risultare utile, ad esempio, se si vuole tenere traccia nel dettaglio di tutte le operazioni di carico e scarico effettuate per quella merce annotandole in un documento di Word da allegare alla scheda.

AUTOSALONI CARICO-SCARICO-DEPOSITO AUTOVEICOLI

Il pulsante Esporta archivio consente di esportare tutte le schede del magazzino in un foglio di lavoro di Microsoft Excel, che potrà essere aperto con qualsiasi software in grado di gestire i file in formato XLS ad esempio, con Open Office, Libre Office o Microsoft Office.

Per visualizzare l'inventario di tutti i prodotti del proprio magazzino o soltanto di quelli appartenenti ad una tipologia, è sufficiente servirsi del pulsante Inventario presente nella schermata di partenza del programma, indicare una tipologia nell'apposito campo che compare nella finestra successiva e premere il pulsante Visualizza. Per ottenere l'inventario di tutti gli articoli in magazzino, bisogna premere il pulsante Visualizza senza indicare alcuna tipologia. La finestra dell'inventario mostra in apertura l'elenco dettagliato degli articoli, indicando per ciascuno di essi il codice identificativo, la marca e il modello, il costo, la giacenza e il valore ottenuto moltiplicando il costo per la giacenza.

In calce alla schermata è riportato l'ammontare del capitale complessivo in magazzino che si ottiene sommando il valore di tutti gli articoli merceologici. La compilazione dei documenti è facilitata dalla possibilità di importare gli articoli presenti nel magazzino dei prodotti e servizi effettuando, se si desidera, l'aggiornamento della giacenza.

Anche i dati del cliente possono essere importati dal relativo archivio anagrafico. Le informazioni riguardanti la propria Ditta sono salvate in automatico alla chiusura della schermata di lavoro. I dati degli articoli elencati nel preventivo o nel DDT in particolare, i campi relativi alla descrizione e all'importo unitario di ciascuna voce potranno essere importati nella fattura elettronica velocizzandone, quindi, la compilazione.

L'applicazione per l'emissione dei preventivi risulta utile per accontentare il cliente che vuole sapere i costi prima di richiedere il servizio. I preventivi hanno una loro numerazione progressiva, che è gestita direttamente dal software.

Un'apposita casella consente di prendere nota dei preventivi in sospeso ad esempio, di quelli che bisogna ancora consegnare ai clienti oppure di quelli contenenti articoli il cui prezzo potrebbe subire delle variazioni. Premendo il pulsante contraddistinto dall'icona della mano con una moneta, si ottiene l'elenco di tutti i preventivi in sospeso presenti in archivio. Il pulsante Dati veicolo apre una finestra in cui è possibile indicare gli estremi di un veicolo a cui il preventivo fa riferimento.

L'applicazione per l'emissione dei documenti di trasporto fornisce tutto l'occorrente per gestire la documentazione dei beni viaggianti, permettendo l'archiviazione e la stampa dei DDT che, come è noto, hanno sostituito le bolle di accompagnamento fin dal 1996. I DDT, come i preventivi, hanno una loro numerazione progressiva gestita direttamente dal programma. La compilazione del DDT è facilitata dalla possibilità di importare dal magazzino i dati relativi ai prodotti aggiornando o meno la giacenza, mentre i dati del cliente possono essere importati dal relativo archivio anagrafico.

Compilazione registro carico scarico auto usate. I rivenditori abituali di beni usati, di oggetti darte, di antiquariato e da collezione che adottano il regime del margine analitico hanno lobbligo di istituire un apposito registro di carico e scarico. Il partner ideale nella consulenza e assistenza automobilistica. - Con l'abrogazione dell'art del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza - Tulps - non è più necessaria la vidimazione del registro di acquistovendita di veicoli usati, ma è comunque obbligatoria la sua tenuta.. Il D.Lgs n del ha abrogato l'art del Tulps, ma è rimasto in vigore l'art il testo in allegato si riferisce al registro di carico e scarico rifiuti. E' possibile avere le istruzioni per il registro di carico e scarico dei veicoli in cdeposito Le informazioni che vorrei riguardano la colonna "depositante" e il valore del bene da indicare nel caso di un riscatto leasing.

E' anche possibile visualizzare l'elenco dei DDT relativi ai carichi non ancora consegnati. Oltre ai dati relativi alla Ditta emittente, al cliente e ai prodotti venduti, nel DDT è possibile indicare le generalità del vettore, la destinazione della merce, la causale del trasporto, la tipologia di porto franco o assegnato, l'aspetto esteriore dei beni, la data e l'ora di inizio trasporto e di consegna.

In calce al DDT sono anche presenti appositi spazi per la firma del vettore e di chi ritira la merce. Il calcolo del totale del documento e dell'ammontare dell'IVA in base all'aliquota specificata è un'operazione effettuata automaticamente dal programma. Tutti gli importi sono calcolati in euro con supporto fino a quattro cifre dopo la virgola e arrotondamento del totale ai due centesimi.

E' anche possibile applicare una percentuale di sconto ad ogni articolo riportato nel documento. Se l'articolo o servizio indicato nel documento è esente da IVA, bisogna spuntare la relativa casella. Per inserire un nuovo documento in archivio bisogna fare clic sul pulsante Nuovo, compilare i campi che interessano e premere Salva.

Quando si preme il pulsante Nuovo, il software attribuisce al documento un numero che tiene conto di quanti preventivi o DDT sono già presenti in archivio, partendo da 1 se l'archivio è vuoto.

Se si vuole far partire la numerazione automatica dei documenti da un numero superiore, è necessario utilizzare l'apposita funzione accessibile tramite il pulsante dedicato.

I rivenditori abituali di beni usati, di oggetti darte, di antiquariato e da collezione che adottano il regime del margine analitico hanno lobbligo di istituire un apposito registro di carico e scarico.. Il registro di carico e scarico, non è obbligatorio per i soggetti che effettuano solo occasionalmente tali operazioni. Il registro di carico e scarico in origine doveva essere vidimato. Buongiorno a tutti, sono un'operatore del settore auto usate, ho presentato la scia in comune per "spostare" la sede legale e operativa, ma l'impiegata comunale, alla mia domanda se serviva un nuovo registro di carico e scarico relativo alla nuova sede, non mi ha saputo rispondere, in quanto l'ufficio commercio, a suo dire, si occupa solo della vidimazione dei suddetti registri ma non è in. Un venditore di auto usate ha optato per il regime analitico e la tenuta due registri distinti, uno per gli acquisti e uno per le cessioni, come avviene per il regime del margine globale.Si chiede se tale comportamento può essere sanzionato.. Registro carico e scarico auto usate. La questione verte sullapplicabilità del comportamento concludente del contribuente, considerato che.

Per modificare un documento in archivio, bisogna visualizzarlo nella finestra di lavoro, apportare le modifiche e premere Salva. La funzione Trova permette di ottenere riepiloghi dei preventivi o dei DDT utilizzando più criteri di ricerca contemporaneamente. Ad esempio, è possibile ottenere il riepilogo dei preventivi emessi in un preciso giorno dell'anno, intestati a un determinato cliente o a più clienti che vivono in una stessa città, eccetera.

Il pulsante con l'icona di Excel consente di esportare tutti i documenti in un foglio di lavoro di Microsoft Excel, che potrà essere aperto con qualsiasi software in grado di gestire i file in formato XLS ad esempio, con Open Office, Libre Office o Microsoft Office. L'applicazione consente, inoltre, di ottenere il riepilogo degli incassi percepiti in intervalli di tempo selezionati dall'utente, nonché di visualizzare grafici statistici tridimensionali del fatturato annuale.

La fattura elettronica creata con il software va trasmessa sotto forma di file XML al cliente tramite il Sistema di Interscambio SdI disponibile sul portale dell'Agenzia delle Entrate.

Il Sistema di Interscambio è un servizio gratuito che verifica se la fattura contiene almeno i dati obbligatori ai fini fiscali nonché l'indirizzo telematico Codice Destinatario oppure indirizzo PEC al quale il cliente desidera che venga recapitata la fattura. In caso di esito positivo dei controlli precedenti, il Sistema di Interscambio consegna in modo sicuro la fattura al destinatario comunicando, con una "ricevuta di recapito", a chi ha trasmesso la fattura la data e l'ora di consegna del documento.

Facendo clic sul link "Impostazione aliquote IVA" si accede ad una finestra in cui è possibile indicare tre aliquote IVA da utilizzare in fase di compilazione delle fatture.

Ciascuna aliquota deve essere espressa inserendo due decimali dopo la virgola ad esempio, 22,00. Non è necessario indicare nessun valore per i beni o servizi esenti da IVA.

Registro di carico e scarico rifiuti…abc

La prima operazione da eseguire quando si deve emettere una fattura elettronica è premere il pulsante Nuovo icona del foglio bianco. Se l'archivio è vuoto, il software assegna alla fattura il numero "00001". Se si vuole far partire la numerazione automatica dei documenti da un numero superiore, bisogna premere il pulsante contraddistinto dalla lettera "N" ed impostare il numero iniziale desiderato.

Accanto al numero della fattura, nella sezione in alto bisogna indicare il tipo di documento fattura, acconto anticipo su fattura, acconto anticipo su parcella, nota di credito, nota di debito, parcella, la data di emissione e la divisa ossia la valuta degli importi.

Si tenga presente che, in fase di creazione del file XML da trasmettere all'Agenzia delle Entrare, bisogna scegliere se comunicare o il primo o il secondo dato, per cui è necessario spuntare la casella sotto il campo "Denominazione Ditta emittente" o, in alternativa, quella sotto i campi riservati al cognome e nome del titolare. I campi riservati al recapito telefonico e all'indirizzo e-mail sono a compilazione facoltativa, come lo sono quelli dedicati all'Ufficio REA, al Numero REA e allo stato di liquidazione della Ditta.

Il pulsante Logo permette di caricare il logo della Ditta emittente che comparirà nella stampa cartacea della fattura. Il documento cartaceo ha solo una funzione riepilogativa e non sostituisce la fattura XML che deve essere utilizzata ai fini fiscali. Anche in questo caso, in fase di creazione del file XML da trasmettere all'Agenzia delle Entrare, bisogna scegliere se comunicare o il primo o il secondo dato, per cui è necessario spuntare la casella sotto il campo "Denominazione Ditta cliente" o, in alternativa, quella sotto i campi riservati al cognome e nome della persona.

Questo campo consente l'inserimento della partita IVA italiana per i soggetti residenti in Italia e per quelli esteri operanti in Italia.

Negli altri casi consente l'inserimento dell'identificativo fiscale assegnato dall'autorità del proprio Paese per i soggetti non residenti. Se il cliente non comunica alcun indirizzo telematico oppure è un consumatore finale non titolare di partita IVA, è sufficiente compilare solo il campo "Codice Destinatario" con il valore "0000000".

Se si inserisce solo il valore "0000000" nel campo "Codice Destinatario", ovviamente il Sistema di Interscambio non riuscirà a consegnare la fattura elettronica al cliente, ma la metterà a disposizione di quest'ultimo in un'apposita area di consultazione riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate.

Questo implica che la Ditta emittente dovrà consegnare al cliente una copia della fattura, anche su carta, ricordandogli che la fattura originale è quella elettronica e che potrà consultarla e scaricarla dalla sua area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate.